Servizio CUP

La farmacia vi invita a prenotare i vostri esami clinici ed analisi di laboratorio da noi. È un servizio rapido ed innovativo per evitare inutili code ed avere al contempo assistenza specializzata a qualsiasi vostra perplessità e domanda.

Ultime news
  • Tanti dolori lavorando, molte ore seduti davanti al computer

    21 Settembre 2017

    Moltissime persone, ormai lavorano seduti alla scrivania davanti al computer, per molte ore. Spesso, questo "obbligo" non permette di alzarsi e inevitabilmente, può causare dei problemi. Sembra quasi assurdo e impossibile da credere, ma succede con molta frequenza. Infatti, in alcune situazioni, quando si sta lavorando intensamente e si è presi totalmente dall'impegno, poter sgranchire e distendere le gambe, non sempre è possibile.

    Quando si sta seduti, per molte ore è facile assumere una posizione sbagliata e questo, influisce negativamente sulla colonna vertebrale. Il sovraccarico eccessivo è il responsabile della comparsa, di contratture e tensioni muscolari. I dolori si possono attenuare con l'assunzione dei farmaci antinfiammatori, perché questi agiscono sciogliendo il fastidio muscolare.

    Nel caso in cui, il dolore compaia con estrema facilità, la cosa giusta da fare è concedersi un buon riposo e cercare di recuperare lo stato del benessere. Un valido aiuto, può essere quello di provare a dormire senza cuscino, oppure sostituirlo con l'utilizzo di un apposito guanciale, per rilassare la zona del collo. Inoltre, si può intervenire con massaggi, effettuati da uno specialista e con una doccia, un bagno o impacchi caldi. Tuttavia, per i problemi cronici si può ricorrere alla terapia laser, che svolge un potente effetto antidolorifico, antinfiammatorio e miorilassante, attenuando notevolmente il senso di malessere.

    Quando il disturbo diventa un disagio, non esitate a parlarne con il vostro medico di fiducia e con i nostri farmacisti.

  • La comparsa dei capillari sulle gambe, si può prevenire

    20 Settembre 2017

    Per ostacolare la comparsa dei capillari sulle gambe, la cosa principale è prevenire l'insufficienza venosa (il sangue fa fatica a ritornare verso il cuore). Per rendere i capillari delle gambe più forti e protetti è importante camminare regolarmente ogni giorno, fare passeggiate in bicicletta che permettono di rafforzare i muscoli dei polpacci, inoltre, il nuoto grazie alla spinta dell'acqua aiuta il sangue a risalire correttamente dalle gambe verso il cuore. In più, per migliorare la circolazione sanguigna potete fare degli esercizi mantenendo le gambe sollevate e allo stesso tempo muoverle. E' importante quotidianamente effettuare dei massaggi energici dall'alto verso il basso, che sono efficaci e influiscono riattivando la circolazione del sangue, rendendola più fluida.

    Ci sono delle cattive abitudini, che incidono negativamente sul benessere dei capillari e sono lo stare troppo ore seduti o viceversa troppe ore in piedi, indossare un abbigliamento eccessivamente stretto ed elasticizzato e nelle donne, il tacco troppo alto. Non dobbiamo dimenticare, che anche la stagione calda, il sovrappeso e il consumo abbondante del sale, sono dei nemici per i nostri capillari.

    Nella nostra farmacia troverete un valido aiuto dal nostro personale, che risponderà alle vostre domande e vi consiglierà, prodotti specifici e indicati, per migliorare la salute dei vostri capillari.

  • E´ sicuro mangiare i frutti mare crudi?

    19 Settembre 2017

    E' sicuro mangiare i frutti di mare crudi? Molte persone amano, magiare questi alimenti crudi e per disinfettarli utilizzano il limone, ma anche se questo ingrediente svolge una potente azione disinfettante, purtroppo non è in grado di uccidere i pericolosi virus e i batteri, che si possono nascondere nei frutti di mare.

    In base a quanto accennato nelle righe precedenti, mangiare i frutti di mare (vongole, cozze, telline, ostriche ed altri) non è sicuro, perché i molluschi filtrano molta acqua salata e nei loro tessuti, si possono nascondere molti germi e microrganismi. Questi pericolosissimi virus e batteri presenti nei frutti di mare possono dare origine a diverse malattie come le salmonelle, i vibrioni come quello del colera e l'epatite A.

    Il consiglio è di non mangiare i frutti di mare crudi e, soprattutto quando non si conosce l'esatta provenienza, per una maggiore sicurezza è meglio cuocere questi alimenti ad una temperatura superiore agli 80 gradi per almeno 2 minuti, perché i batteri e i virus, sono sensibili alle temperature calde e quindi vengono uccisi.

    Per dubbi, incertezze e domande, non esitate a venire nella nostra farmacia, perché saremo lieti di sciogliere ogni vostra perplessità su questo "argomento".

Rubriche
  • Nonna Bernarda, il bianco d´uovo e una maschera di bellezza a prova di carezza

    20 Settembre 2017

    È proprio vero, la saggezza di ieri è una perla per la vita di oggi, anche solo con un bianco d'uovo!

    Questa mattina sono stata nella bottega del mio quartiere e mentre facevo la spesa, tra uno scaffale e l'altro il mio sguardo si è fermato sopra una scatola di caffè d'orzo. Nella mia testa il caffè d'orzo è associato alla donna più grande del mondo: mia nonna Bernarda. Oh mamma quanti ricordi! Prendo in mano la scatola, la metto nel cesto, ritorno indietro, la rimetto sullo scaffale, faccio due passi e la riprendo... Insomma, questa storia va avanti per un bel po' di volte. Alla fine non resisto proprio e faccio mia quella meravigliosa scatola di caffè d'orzo. Che profumo!

    Rincasando mi assalgono mille ricordi di colazioni passate. Da bambina quando stavo da nonna Bernarda mi alzavo insieme a lei al canto del gallo e facevo colazione con la “cocollata”. Che bontà la mia fantastica coccolata fatta con tuorlo d'uovo lavorato con lo zucchero e addizionato poi con un goccio di caffè d'orzo bollente. Le immagini si susseguono vertiginose e si fermano lì, in quel tavolo rettangolare di legno con i piedi blu elettrico e il piano chiaro abbellito da una tovaglia di plastica color panna dipinta con tantissimi fiori marroni e gialli.

    “Nonna e quello non lo metti?” - quello era il bianco d'uovo- “No figlia mia, quello non si mette”, mi rispose nonna; “lo butti?” domandai, “No non si butta niente, quello nonna lo mette in faccia”. La guardai con uno sguardo meravigliato e perplesso. Vero è che dopo la colazione nonna prese la tazza con il bianco d'uovo, ci aggiunse 1 cucchiaio di miele, lo sfibrò leggermente aiutandosi con una forchetta, si recò in camera sua e se lo mise nel viso, spalmandoselo alla perfezione ed evitando il contorno occhi. Sì, avete capito bene: nonna Bernarda con il bianco d'uovo non ci fece le meringhe, ma se lo mise nel viso come maschera di bellezza, precisandomi che l'albume è un ottimo rimedio contro la pelle grassa, che chiude i pori ed elimina i punti neri.

    Io, dal canto mio, la seguivo come un fantasma e la guardavo affascinata. Era il mio mito.

    Una volta spalmato il bianco d'uovo, nonna lo tenne in viso per 5 minuti, trascorsi i quali lo sciacquò con un po' di cotone imbevuto in una miscela d'acqua e succo di limone.

    A me la consistenza dell'albume ripugna, ragion per cui non ho mai provato la maschera dei miracoli di nonna Bernarda. Ultimamente, però, ho una brutta pelle, lucida e carica di impurità, e visto che oggi ho fatto colazione con la cocollata al caffè d'orzo ho deciso di impiegare il bianco dell'uovo per provare la maschera di nonna. 1 albume e 1 cucchiaio di miele in posa per 5 minuti e via ad asportare la maschera con una miscela di acqua e limone. Il risultato è davvero sorprendente. Provare per credere!

  • Io, il mio bambino, l´olio di mandorle e la crosta lattea

    13 Settembre 2017

    Oggi sono veramente stanca! Ho corso di qua e di là senza sosta per fare mille commissioni, ma ho scordato di acquistare la cosa più importante di tutte, quella per la quale ero uscita: l'olio di mandorle per Andrea! Io adoro l'olio di mandorle dolci, rigorosamente bio, senza conservanti, privo di profumazioni, insomma l'olio di mandorle puro e totalmente naturale. Eh sì non potrei proprio farne a meno!

    Nella mia vita da quando è nato il mio bambino non sono rimasta un solo giorno senza quest'olio speciale; lo ho usato addirittura per la crosta lattea! Penserete: per la crosta lattea? Eh sì, proprio per rimuovere quell'orribile dermatite seborroica che a un certo punto “ha invaso” la testa del mio bimbo. Povero Andrea, aveva la pelle ricoperta di piccole crosticine giallastre, che pena! Per farla breve, per rimuoverle imbevevo un piccolo batuffolo di cotone con il mio magnifico olio di mandorle e glielo passavo con molta delicatezza in tutta la testolina, quindi rimuovevo le crosticine staccate con un pettinino a maglie fitte e il gioco era fatto: piano piano quelle orribili squame sono andate via. Che sollievo!

    Ad ogni modo, l'olio di mandorle non mi abbandona neanche oggi: in lui ho scoperto veramente un ottimo alleato. Ciò che infatti vale per tutti i piccoli vale anche per il mio bambino: la sua pelle è delicatissima e super sensibile; per questa ragione ho usato fin da subito quest'olio per massaggiargli la pelle arrossata, soprattutto nella zona del pannolino. I risultati sono veramente strabilianti, infatti l'olio di mandorle è super nutriente, è emolliente, è lenitivo e chi più ne ha più ne metta! In altre parole: è un ottimo olio per massaggio, davvero fantastico! Un vero e proprio cosmetico naturale da tenere sempre con sé.

    Ogni tanto mi capita di aggiungere qualche goccia di quest'olio anche nell'acqua del bagnetto di Andrea che addiziono rigorosamente con un po' del solito amido di riso; i risultati sono davvero sorprendenti: la pelle del mio bambino risulta sempre idratata alla perfezione!

  • CONSIGLI PER INIZIARE A FARE SPORT

    06 Settembre 2017

    Quando si inizia a fare sport, ci sono delle regole e delle buone accortezze, che vanno tenute ben presenti nella mente e devono essere seguite perfettamente. Il bello è che potete decidere di iniziare a svolgere una qualsiasi attività fisica, a qualunque età voi vogliate, logicamente questo dipende molto dalle condizioni fisiche di ognuno di voi.

    Vediamo insieme queste regole fondamentali per iniziare a praticare sport.

    La regola numero uno, è di imporsi una bona preparazione fisico mentale, questo significa che il corpo e la mente devono essere in perfetta sintonia e rispondere nello stesso modo, facciamo un semplice esempio. Se il corpo vuole migliorarsi esteticamente, la mente deve rispondere la stessa cosa.

    Regola numero due, il tempo da dedicare all'allenamento è fondamentale. Dovete determinare un tempo da dedicare a questa attività, che può essere giornalmente, o a giorni alternati. Se decidete, di allenarvi per dieci minuti al giorno tutti i giorni o un'ora a settimana, ponetevi con costanza e rispetto verso l'obbligo che avete scelto.

    Regola numero tre, bere è vitale soprattutto, durante gli sforzi fisici, dovete abituarvi a bere regolarmente, durante e dopo lo svolgimento di una qualsiasi attività fisica, perché con l'aumento della temperatura corporea, il sudore può diventare abbondante e l'organismo è soggetto, con maggior facilità a perdere molta acqua e sali minerali.

    Regola numero quattro, per ultima ma non è la meno importante è la scelta dell'abbigliamento giusto per praticare sport, non indossate mai nulla di troppo aderente, in quanto questo tipo di tessuto tende a soffocare la pelle e non la lascia respirare. Scegliete il cotone puro, le scarpe da ginnastica comode e ricordate che devono essere come un sostegno per il vostro corpo, quindi leggere e di ottima qualità.

    Questi sono dei piccoli consigli, ma molto utili che possono aiutarvi nello scegliere di iniziare a praticare sport partendo con il piede giusto, andando ad evitare gli errori che generalmente vengono commessi dalle persone, che si avvicinano per la prima volta a questa attività. L'avvicinarsi allo sport in modo sbagliato, purtroppo il più delle volte porta a mollare solo perché non si è perfettamente capito, che cosa bisogna fare per farcela.

    Buon allenamento.

Altri reparti
Misurazione della glicemia e colesterolo

Misurazione della glicemia e colesterolo

Misurazione della pressione

Misurazione della pressione

Elettrocardiogramma

Elettrocardiogramma

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.