News

Prova costume in vista? Ritrova la forma con il chitosano

Prova costume in vista? Ritrova la forma con il chitosano

14 Luglio 2018

L’estate sta arrivando, tutto molto bello: il sole, il mare e… la prova costume che puntuale come un orologio svizzero incombe su di noi. Quest’anno vi siete lasciati particolarmente andare ai richiami del gusto? Se sentite l’esigenza di ritrovare la forma, cosa ne dite di provare il chitosano? Certo, non vi aspettate faccia prodigi, ma questo integratore alimentare in grado di contrastare l’assorbimento di grassi, può diventare un prezioso alleato per non farsi trovare impreparati sul bagnasciuga.

Chitosano: cos’è

Il chitosano è una molecola che si estrae dal guscio dei crostacei e che si trova all’interno di numerosi integratori per il benessere del corpo. Accompagnato ad una dieta ipocalorica, il chitosano può rivelarsi utile per il controllo del peso, ma anche per favorire il senso di sazietà e ridurre quindi lo stimolo della fame. Un po’ come un filtro, questo integratore evita che il grasso si depositi dove tutti noi non vorremmo si depositasse, nei cosiddetti “punti critici”, come addome, fianchi e glutei.

Attenzione però: assumere il chitosano non significa potersi abbandonare agli eccessi. Controllate sempre l’alimentazione, riducendo l’apporto di grassi a favore di proteine, frutta e verdura.

Chitosano, chi non può utilizzarlo

Prima di assumere il chitosano è utile consultare un medico o un farmacista per farsi indicare la strada giusta. Non prolungate troppo l’utilizzo dell’integratore che potrebbe limitare l’assorbimento di minerali e di grassi essenziali all’organismo.

Se siete incinta, infine, evitate di assumere il chitosano. Lo stesso vale per chi è allergico ai crostacei.

In farmacia trovate numerosi integratori completi di questo straordinario ingrediente: l’alleato perfetto per tornare in forma in vista della bella stagione.

Paura degli aghi? Arrivano le siringhe indolore

Paura degli aghi? Arrivano le siringhe indolore

12 Luglio 2018

Che sia per un prelievo o per una cura, l'incontro con l'ago di una siringa prima o poi arriva per tutti. Per alcune persone non ci sono problemi o rappresenta solo un fastidio. Per altre, invece, è un vero e proprio incubo, tanto da diventare una fobia.

Niente paura però, ci sono buone notizie in arrivo.

Un alleato inaspettato

La svolta potrebbe arrivare dai ricercatori della Ohio State University e dell'Indian Institute of Technology, che stanno studiando una nuova tipologia di siringa prendendo spunto di un insetto solitamente molto fastidioso: le zanzare.

Lo scopo è quello di creare un ago che non provochi dolore e che aiuti chi ne ha paura, come ad esempio i bambini.

Attraverso la ricerca si sono individuati quattro tratti distintivi della proboscide dell'insetto, che gli permettono di pungere senza provocare dolore: un agente paralizzante, la conformazione seghettata, la combinazione di parti morbide e dure della parte e una vibrazione che si innesta durante la puntura.

Il risultato? Una siringa formata da due aghi, il primo in grado di iniettare una sostanza paralizzante capace di rendere insensibile la zona colpita e l'altro adibito alla sua normale funzione di prelievo o immissione del farmaco. Quest'ultimo, poi, avrebbe una particolare struttura dentellata che lo rende più morbido e flessibile. Una siringa che permette di eliminare il dolore e, quindi, anche la paura dei più piccoli...e dei grandi!

In attesa di poter utilizzare questa siringa ricordatevi sempre che il personale specializzato, in qualunque farmacia o ambulatorio, è preparato per effettuare punture e sa come non farvi sentire dolore.

Coraggio, quindi, e niente paura!

Farmaci falsi: i più truffati sono gli uomini

Farmaci falsi: i più truffati sono gli uomini

10 Luglio 2018

Le truffe si sa, sono sempre dietro l'angolo. Se al primo posto troviamo il mercato dell'abbigliamento, è preoccupante sapere che al secondo c'è il settore farmacologico. Nel primo caso, infatti, il danno che ne consegue è per lo più a livello di portafoglio, ma quando si parla di medicinali i problemi sono maggiori perché legati alla salute.

Sono circa 4 milioni i farmaci falsi sequestrati dai carabinieri fra il 2014 e il 2017 e, in particolare, si tratta di prodotti acquistati su internet legati a patologie maschili.

Uomini, attenti alle truffe

Ebbene si, dall'indagine effettuata è emerso che i medicinali edulcorati con vernici stradali, veleno per topi, arsenico e gesso, sono per lo più legati a problemi maschili come l'impotenza. Circa il 70% del totale dei campioni sequestrati sono, infatti, a risoluzione di questo disturbo. Si passa dal finto viagra a tossine botuliniche o integratori alimentari con all'interno principi attivi farmaceutici inseriti illecitamente.

Oltre al danno economico di un acquisto inutile, la conseguenza più grave nell'utilizzo di questi prodotti è legato alla salute. Inesistenza dei principi attivi o dosi sbagliate, ingredienti pericolosi e alti livelli di impurità, sono solo alcune delle contraffazioni riscontrare, che non solo annullano la funzione "curativa" desiderata, ma provocando effetti collaterali indesiderati a volte estremamente pericolosi per la salute.

Per tutte queste ragioni è importantissimo rivolgersi sempre al vostro farmacista di fiducia. Via l'imbarazzo quindi e siate fiduciosi. Oltre a evitare di spendere soldi inutilmente, il personale specializzato saprà consigliarvi i prodotti migliori e realmente efficaci per la risoluzione del vostro problema.
Cistite, perché è più frequente in estate?

Cistite, perché è più frequente in estate?

07 Luglio 2018

L'estate è arrivata, siamo pronte per partire! Costumi, creme solari, parei e… o no, la cistite! Una patologia davvero fastidiosa: l'infiammazione della vescica provocata da un'infezione delle vie urinarie, che solitamente è dovuta alla presenza di batteri, in estate – e non solo – è una cattiva compagna.

Ma vi siete mai chieste perché in estate è più frequente? Ve lo diciamo noi!

Cistite, quali sono le cause?

Questo disturbo colpisce prevalentemente le donne e ha diverse cause. Tra i fattori scatenanti più comuni, troviamo:

  • una cattiva o scorretta igiene intima;
  • l’abitudine sbagliata di trattenere a lungo le urine;
  • l'utilizzo di cosmetici spesso irritanti.

Una compagna di vacanza indesiderata

In estate, questo disturbo si presenta in modo più frequente e a volte con sintomi più acuti. Questo perché:

  • il caldo indebolisce il sistema immunitario favorendo la formazione di batteri;
  • la sudorazione provoca un aumento della concentrazione degli agenti irritanti presenti nelle urine, che infiammano le mucose;
  • l'acqua del mare, del lago o della piscina possono contenere batteri che indeboliscono le difese della mucosa vaginale;
  • la sabbia è un ricettacolo di germi che agevolano le infezioni;
  • il costume bagnato è, di fatto, un ambiente umido e facilita la formazione di batteri.

Per prevenire questa fastidiosa patologia è bene seguire qualche buona abitudine. Utilizzate detergenti intimi che rispettino il PH vaginale, cambiate il costume dopo aver fatto il bagno, lavatevi in modo corretto le parti intime e bevete almeno 2 litri di acqua al giorno per diluire le urine ed evitare la proliferazione batterica.

In ogni caso, però, chiedete sempre al vostro farmacista di fiducia i prodotti migliori per la prevenzione o la cura di questa patologia, cosi da vivere serenamente ogni giorno della vostra estate!

Morbo di Keystone e zanzare: in Florida scoperto il primo caso sull´uomo

Morbo di Keystone e zanzare: in Florida scoperto il primo caso sull´uomo

05 Luglio 2018

Se da un lato l'estate è sinonimo di belle giornate e divertimento, dall'altro non si può non associarla al "nemico" numero uno delle nostre serate: le zanzare.

La maggior parte di questi insetti, pungendoci, provoca un fastidioso prurito che, fortunatamente, si risolve da solo nel giro di qualche ora. In più con l'aiuto di lozioni e spray repellenti o con le classiche candele alla citronella, il problema è facilmente raggirabile.

In natura, però, esistono diverse specie di zanzare, alcune delle quali, attraverso le loro punture, possono provocare dei disturbi anche gravi.

Scopriamo il morbo di Keystone

Recentemente, in Florida, è stata diagnosticata su un ragazzo una nuova malattia fin'ora nota solo sugli animali, il morbo di Keystone. Si tratta del primo caso sull'essere umano.

La patologia, trasmessa dalla puntura della zanzara Aedes atlanticus, può provocare infiammazioni a livello cerebrale. Tuttavia, gli scienziati che stanno studiando il morbo non sono certi che questo effetto possa manifestarsi anche sull'uomo poiché, nell'unico caso conosciuto, si sono riscontrati "solo" febbre alta e sfoghi cutanei.

Essendo una malattia nuova per l'uomo non esiste ancora un test diagnostico specifico. Per quanto riguarda la cura della sintomatologia, per il momento, sono stati utilizzati solo antipiretici e antiinfiammatori e, nel caso in cui venisse attaccata la zona cerebrale, si andrebbe ad intervenire con medicinali cortisonici e antivirali specifici.

Zanzare: chiedete sempre consiglio al vostro farmacista

In linea generale tutte le zanzare sono potenziali trasmettitrici di patologie e il morbo di Keystone è solo l’ultima scoperta. Per essere sempre sereni, chiedete aiuto al vostro farmacista di fiducia: saprà consigliarvi i prodotti migliori per tenere lontane le zanzare e trascorrere delle piacevolissime serate estive!
Ricetta elettronica: in Lombardia parte la sperimentazione

Ricetta elettronica: in Lombardia parte la sperimentazione

03 Luglio 2018

Avete presente le ore spese nell'ambulatorio del vostro medico curante anche solo per il ritiro di una ricetta? Buone notizie! Tra poco potreste dire addio alle code!

Ebbene si! A partire dal primo luglio, in Lombardia, partirà un progetto in via sperimentale, che consentirà di ritirare la propria ricetta medica direttamente in farmacia, attraverso l'utilizzo di un'app.

Il servizio, grazie a un contratto di collaborazione siglato tra Federfarma Lombardia, Assofarm Confservizi Lombardia e l'Asst per la licenza dell'app 'Salutile Ricette', verrà testato nell'Azienda socio sanitaria territoriale Rhodense di Garbagnate Milanese, in provincia di Milano e, se avrà riscontro positivo, verrà esteso in altre zone della regione.

Ma come funziona?

Se pensate sia complicato vi sbagliate. Il paziente riceverà la ricetta dotata di codice a barre direttamente sul proprio smartphone o tablet. Il vostro compito, quindi, è quello di ricordarvi di avere il telefono sempre a portata di mano!

A questo punto il farmacista, tramite una penna ottica, leggerà la ricetta dal display del dispositivo. Il gestionale dell'esercizio, poi, la recupererà dal sistema informativo della Regione, in modo da consentire al personale della farmacia l'applicazione delle fustelle al documento cartaceo. E il medico? Suo onere è quello di registrare tutte le prescrizioni de-materializzate per i farmaci previsti dal Piano assistenziale individuale (Pai).

Quello che si vuole raggiungere è garantire maggior indipendenza ai pazienti cronici che, con la tessera sanitaria, potranno ritirare i loro farmaci, sfruttando il fascicolo sanitario elettronico.

Il beneficio? Se avrà successo questo progetto garantirà un bel risparmio di tempo, sia ai pazienti che al farmacista di fiducia!

Ferro, un ottimo alleato nella stagione estiva

Ferro, un ottimo alleato nella stagione estiva

30 Giugno 2018

Sole, caldo, bella stagione e… fatica fisica! Spesso, anche se in vacanza o a riposo, ci sentiamo stanchi e deboli. Generalmente viene data la colpa al caldo o all'afa, ma, in realtà, una delle cause che determinano il senso di debolezza e astenia è la carenza di un minerale molto importante per il nostro organismo, il ferro.

L'importanza del ferro

Le funzioni di questo elemento sono molteplici e vanno dal trasporto di ossigeno ai tessuti, al trasferimento di elettroni nella catena respiratoria, fino all’attività dei sistemi enzimatici.

I livelli di assunzione raccomandati sono di circa 12 mg/die per gli uomini e 18 mg/die per le donne che, per via del ciclo mestruale, hanno bisogno di un apporto maggiore rispetto a quello maschile.

In estate, poi, con l'aumento delle temperature e della sudorazione, disperdiamo molte delle sostanze necessarie al buon funzionamento del nostro corpo che, quindi, devono essere reintegrate.

L'alimentazione: sempre al primo posto

Il ferro si trova in molti alimenti. Quello presente nelle proteine animali, per esempio, si assorbe più facilmente di quello dei vegetali che, invece, deve essere trasformato.

Per un apporto corretto di questo minerale si dovrebbe:

  • mangiare una volta al giorno una porzione di carne o pesce;
  • consumare due porzioni di verdura al giorno, l'ideale sono quelle a foglia verde, da condire con limone o agrumi per favorirne l'assorbimento;
  • mangiare una porzione di legumi almeno tre volte la settimana;
  • optare per pasta e pane integrali;
  • fare colazione con una porzione di cereali.

Buone notizie! Anche il cioccolato fondente contiene ferro e in più svolge un’azione positiva sull’umore.

Se l'alimentazione non basta, rivolgetevi al vostro farmacista di fiducia, che saprà consigliarvi degli integratori specifici e una dieta più equilibrata.

Farmaci e parafarmaci: facciamo chiarezza sulle detrazioni 730

Farmaci e parafarmaci: facciamo chiarezza sulle detrazioni 730

28 Giugno 2018

Come ogni anno è tempo di dichiarazione dei redditi e di tasse, ma la domanda che molti si fanno è sempre la stessa: quali spese sono detraibili?

Se si parla di acquisti farmaceutici, poi, il dubbio è maggiore. Vediamo insieme come comportarci e cosa aspettarci in fase di compilazione del 730.

Detrazioni 730: attenti allo scontrino

La detraibilità di farmaci e parafarmaci è un’agevolazione a favore dei contribuenti che possono scaricare dalla propria dichiarazione tutte le spese sostenute per l'acquisto di medicinali, per proprio o per conto di un familiare a carico.

La detrazione applicata è pari al 19% del costo sostenuto, tenendo conto della franchigia pari a 129,11 euro. Perché avvenga, è necessario dimostrare l'acquisto attraverso lo scontrino fiscale parlante e assicurarsi che su questo compaiano cosa si è comprato, la quantità, il codice alfanumerico, il prezzo del farmaco e il codice fiscale del contribuente.

Sullo scontrino deve essere indicata la parola “farmaco” o “medicinale”, anche con le seguenti sigle:

  • OTC (medicinale da banco);
  • SOP (senza obbligo di prescrizione);
  • omeopatico;
  • abbreviazioni come MED e F.CO;
  • TK (ticket) o FC (farmaco anche omeopatico).

Ma quali prodotti sono detraibili?

Vediamo ora le categorie di prodotti soggette a detrazione:

  • Farmaci o medicinali;
  • prodotti omeopatici;
  • farmaci galenici: preparazioni eseguite dalle farmacie nel proprio laboratorio, dietro prescrizione medica;
  • formule officinali: farmaci galenici preparati seguendo le indicazioni della Farmacopea europea o nazionale, in vigore negli Stati membri UE. Detraibili solo dietro prescrizione medica;
  • prodotti fitoterapici: detraibili solo quando sono medicinali.

Per avere una conferma in più sulla detraibilità dei medicinali, potete chiedere al vostro farmacista di farvi vedere la dicitura sullo scontrino e di indicarvi la categoria di appartenenza del prodotto acquistato.

Dispositivi medici: ecco quali detrarre dal 730

Dispositivi medici: ecco quali detrarre dal 730

26 Giugno 2018

Tempo di dichiarazione dei redditi, di tasse e di dubbi su quali farmaci o prestazioni sono detraibili dal 730 e quali no.

I prodotti farmaceutici che possono essere detratti sono molti. Non parliamo solo di medicinali, ma anche di alcuni dispositivi per la cura e l'autodiagnosi. La cosa fondamentale, come per ogni farmaco o servizio, è che ci sia uno scontrino o una fattura a riprova dell'acquisto fatto.

Di quali prodotti si parla?

I dispositivi medici, sono apparecchiature e strumentazioni dichiarati conformi e contrassegnati con la marcatura CE, apposta dal fabbricante sulla base delle direttive europee di settore. Per poter essere detratti è necessario che il marchio sia indicato sullo scontrino parlante e, se cosi non fosse, è fondamentale conservare la scatola del dispositivo a comprova della conformità del prodotto.

Quali sono i dispositivi detraibili?

Vista la grande varietà di tipologie, non esiste un elenco completo ed esaustivo di tutti i dispositivi soggetti a detrazione. Ecco i più comuni:

  • cerotti, garze, bende e medicazioni avanzate;
  • siringhe;
  • termometri;
  • test di gravidanza, ovulazione e menopausa;
  • prodotti per dentiere;
  • lenti correttive della vista, lenti a contatto e montature;
  • occhiali per presbiopia;
  • apparecchi acustici;
  • apparecchio per aerosol;
  • dispositivi per misurare la pressione arteriosa;
  • pannoloni per incontinenti;
  • prodotti ortopedici;
  • ausili per i disabili;
  • materassi ortopedici e antidecubito;
  • contenitori per campioni;
  • strisce per misurare glucosio, colesterolo e trigliceridi nel sangue;
  • test per intolleranze alimentari e celiachia;
  • strumenti per misurare la glicemia;
  • test di autodiagnosi per la prostata (Psa) e il tempo di protrombina (Inr);
  • test per la rilevazione del sangue occulto nelle feci.
Tutti questi dispositivi sono reperibili in farmacia dove, il personale specializzato, saprà consigliarvi nell'acquisto e indicarvi se si tratta di prodotti detraibili in fase di dichiarazione.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.